Acqua Termale

Creme a Base di Acqua Termale - per Viso, Corpo e Mani

L’acqua termale è in grado di apportare alla nostra pelle straordinari benefici.
Per avere un aspetto sano e curato l’epidermide deve avere il giusto livello di idratazione, che l’acqua termale garantisce in maniera del tutto naturale.
Estremamente ricca di minerali e di sostanze preziose l’acqua termale è una componente essenziale di tantissimi prodotti dedicati al benessere e alla cosmesi.
Prova ne è che la linea Flower’s Week utilizza l’acqua termale di Viterbo, amalgamata ai fiori di Bach, quale ingrediente per confezionare le creme emozionali.
Per mantenere intatti i benefici l’acqua termale viene confezionata allo stato puro, la si può utilizzare in soluzione spray, in bottiglia, gel, nei prodotti di bellezza.

flowersweek_terme_viterbo_img1
flowersweek_terme_viterbo_img2
flowersweek_terme_viterbo_img3
flowersweek_terme_viterbo_img4
flowersweek_terme_viterbo_img5

FAQ

Faq 1- Acque termali, quali sono le tipologie?

Le acque termali possono essere classificate in base a diversi parametri e quindi secondo tutta una serie di caratteri generali o più specificamente considerando le proprietà terapeutiche, le caratteristiche chimiche, quelle fisiche o chimico-fisiche, ma non solo.

In base alla temperatura troviamo acque fredde, con temperatura inferiore a 20°C, calde superiore a 20°C., ipotermali fra 20° e 30 °C, omeotermali tra 30° e 40°C, ipertermali superiore a 40°C.

In base alla composizione salina troviamo acque solfuree, salse, solfate e bicarbonate.

In base alla concentrazione salina si distinguono in acque oligominerali con residuo non superiore a mg 200/l, mediominerali tra mg.200/l e 1/l e acque minerali.

Faq 2 – Quali patologie si possono curare con le acque termali?

Sono molte le patologie che si possono curare ricorrendo all’utilizzo delle acque termali.

A farne chiara menzione è il Ministero della Salute che inserisce la lista delle malattie in un decreto specifico considerando patologie quali quelle: reumatiche, delle vie respiratorie, dermatologiche, ginecologiche, O.R.L. quale acronimo di otorinolaringoiatria, vascolari, dell’apparato urinario, e dulcis in fundo malattie dell’apparato gastroenterico.

Chiunque può trarre evidenti benefici dall’utilizzo delle acque termali, che incidono positivamente sia sul fisico che sull’umore dell’individuo.

Un uso costante delle acque termali inoltre svolge un ruolo importante anche in termini di prevenzione, allontanando i rischi legati all’insorgenza delle malattie croniche.

Faq 3 – Acque termali terapie e metodi di utilizzo

Chi usufruisce delle acque e delle cure termali si avvale di un metodo terapico quale la crenoterapia, un’opportunità e di due metodi di utilizzo uno interno ed uno esterno.
Nel caso di terapia interna vengono considerate cure quali l’idropinoterapia, le irrigazioni ma anche inalazioni, insufflazioni e politzer crenoterapico solfureo che prevede deglutizioni a narici chiuse.
Laddove si parla di terapia esterna abbiamo a che fare con l’utilizzo di acque termali attraverso la balneoterapia, con un’immersione totale o parziale del corpo in acque minerali, la peloidoterapia (fanghi) con impacchi o composti con acque termali e materie organiche e l’antroterapia (grotte) con trattamento termale in grotta.

Faq 4 – Acque termali quali utilizzi e benefici?

Sono decisamente numerosi i benefici apportati dalle acque termali alla pelle.
Benefici quali l’effetto idratante, rinfrescante e lenitivo.
Le acque termali possono essere utilizzate con un nebulizzatore e spruzzate sulla pelle ogni qualvolta se ne senta la necessità per idratare e contrastare la secchezza.
L’acqua termale si dimostra utilissima per fissare il make-up prima o dopo l’applicazione del trucco inoltre è una valida alternativa al classico tonico, da passare delicatamente sul viso dopo aver ripulito la pelle.
L’acqua termale si rivela un perfetto diluente per maschere e impacchi di argilla ma produce anche un effetto lenitivo dopo la ceretta o dopo la rasatura della barba.

Faq 5 – Acque termali come accedere ai trattamenti

L’accesso alle cure termali considera trattamenti a pagamento ma anche un utilizzo a carico del Servizio Sanitario Nazionale, che prevede di usufruire di un ciclo di cure nell’arco di un anno, laddove si soffra di particolari patologie.
Per fruire delle cure gratuitamente è sufficiente chiedere al proprio medico di famiglia di compilare una regolare proposta-richiesta dove viene indicata espressamente la diagnosi e il ciclo di cure a cui si intende essere sottoposti.
La proposta-richiesta dovrà essere presa in esame dal medico delle terme che può concordare o meno con il medico di base il ciclo di cure oppure no.

Faq 6 – Le acque termali possono essere utilizzate anche dai bambini

Le acque termali risultano perfette anche per i più piccoli.
I bambini che non hanno ancora patologie croniche sono quelli che reagiscono meglio.
Le terapie inalatorie sono un toccasana grazie all’azione mucolitica, anticatarrale, immunostimolante e riattivante della microcircolazione.
Per i piccoli che soffrono di sinusiti ed otiti le acque termali si rivelano perfette e sono garanzia di una soluzione duratura. Una scelta che tra l’altro azzera completamente l’uso di medicinali.
È possibile portare un bimbo alle terme a partire dai 30/36 mesi scegliendo le terapie adeguate.
Durante il trattamento è importante cercare di coinvolgere il bimbo, la collaborazione infatti è determinante.

Contattaci

0