Gambe Gonfie e Pesanti: Rimedi Naturali e Come Prevenire

Molte persone soffrono di gambe gonfie e stanche, anche se non sono stati fatti particolari sforzi. Le donne in particolare modo. Da cosa dipende?

Può dipendere dalla circolazione del sangue (è necessario il parere di un medico), che ristagna nelle vene degli arti inferiori. Questo ristagno, impedisce ai fluidi di risalire in direzione del cuore che rimangono intrappolati nelle vene e fa gonfiare e appesantisce le gambe,  le caviglie e i piedi.

Quali sono le Cause e i Fattori di Rischio in Caso di Gambe Gonfie?

Tra i fattori di rischio delle gambe gonfie possiamo avere ad esempio un lavoro che costringe a trascorrere molte ore stando fermi, senza camminare; sovrappeso e obesità, uso della pillola anticoncezionale, vita sedentaria, calore ed esposizione al sole. Le cause  principali di gambe gonfie e stanche sono la storia familiare, l’età, la gravidanza.

Causa: Cattiva Alimentazione 

La prima mossa per evitare e combattere il ristagno linfatico parte dall’alimentazione. La riduzione del sale è necessaria, infatti, il sale contribuisce all’insorgenza della ritenzione idrica.

Per sgonfiare le gambe i cibi da prediligere sono: frutta (ciliegie, uva, mirtilli, lamponi,fragole ecc.) verdura di stagione, legumi, cereali integrali, pesce, carne di pollo e tacchino, pesce (merluzzo, orata, calamari, cozze e vongole) e formaggi magri.

Evitare o ridurre al minimo salumi, formaggi stagionati, cibi in scatola, merendine, dolci, bibite zuccherate.  Limitare il consumo di alcolici.

Fattori di rischio: Predisposizione Femminile

Il gonfiore alle gambe è una prerogativa femminile, anche legata agli ormoni (gravidanza, menopausa).

Causa: Sedentarietà 

Le persone che fanno poca o niente attività fisica, rischiano di soffrire di pesantezza e senso di gonfiore alle gambe. Per una buona circolazione del sangue, è importante praticare attività fisica due o tre volte la settimana.

Particolarmente indicato è il nuoto, che tonifica la muscolatura delle gambe e migliora la circolazione grazie al naturale massaggio dell’acqua nelle gambe.

Altre attività consigliate sono: yoga, corsa leggera, aquagym e spinning. Sosteneva Ippocrate che “camminare è la migliore medicina”.

L’essere umano è strutturato per muoversi, i piedi, le gambe, hanno bisogno di movimento, sono stati pensati per percorrere lunghe distanze e per passeggiare regolarmente tutti i giorni.

Se non forniamo al nostro corpo movimento, rischiamo che il sangue si accumuli in basso, i muscoli diventano rigidi, le articolazioni vengono sforzate unilateralmente e infine le gambe e i piedi diventano pesanti come piombo.

Quindi, cercate di camminare di buon passo almeno 30 minuti al giorno, in quanto questa attività favorisce il mantenimento di un buon ritorno venoso.

Causa: Ritenzione Idrica

Il nostro corpo è costituito in gran parte da acqua. L’acqua è indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e delle reazioni biochimiche che avvengono nel nostro organismo, ha un ruolo essenziale nella digestione, nell’assorbimento, nel trasporto e nell’impiego dei nutrienti.

È inoltre il mezzo principale attraverso cui sono eliminate le sostanze di scarto derivate dai processi biologici. Se l’acqua ingerita è insufficiente si può avere ritenzione idrica.

La ritenzione idrica, gonfia le caviglie, le gambe e la pancia ed è causata principalmente da una scarsa idratazione e da un eccesso di sale.

La disidratazione costringe l’organismo a trattenere i liquidi già presenti al suo interno per funzionare, ma con la conseguenza che i fluidi ristagnano e provocano gonfiore in superficie.

Questo aumento della massa acquosa dell’organismo è definito edema che è un eccesso di acqua che il corpo non riesce a smaltire, fino a causare un rallentamento della circolazione con probabile comparsa di vene varicose e cellulite.

Può dipendere da fattori genetici, stress, ansia, fattori ormonali, assunzione di anticoncezionali, errata alimentazione, sedentarietà.

Gambe Gonfie e Stanche: Sintomi

Le gambe gonfie e pesanti, perdono un po’ la loro funzionalità e la loro capacità motoria e impediscono di muoversi come si vorrebbe. Molte donne ne soffrono e ci convivono quotidianamente. Di seguito alcuni sintomi:

  • gambe pesanti e indolenzite, specialmente alla sera e dopo essere stati molto in piedi;
  • gonfiore al di sotto delle caviglie;
  • vene che affiorano in superficie;
  • formicolii, prurito e crampi muscolari al polpaccio.

Gambe Gonfie e Stanche: Rimedi Naturali e Come Comportarsi

Quando il problema non dipende da cause patologiche, (per questo è sempre bene farsi visitare da uno specialista), si può trovare giovamento nel seguire delle regole comportamentali “sane” e da alcuni rimedi naturali, di seguito alcuni esempi:

  • No tacchi troppo alti o troppo bassi. L’ideale è usare scarpe con il tacco che vada dai 4 ai 7 cm, meglio se con una base larga e non a spillo. Sono comunque da preferire, in caso di tacchi, la zeppa o il plateau;
  • Fare regolarmente attività fisica. Stop alla pigrizia, specialmente se si fa un lavoro che costringe a stare sedute per molte ore. Cercare ogni occasione per muoversi: fare le scale al posto dell’ascensore, fare piccole camminate appena si può, fare un po’ di stretching;
  • Fare docce di acqua fredda che aiutano la circolazione. Passare sulle gambe il getto del doccino della vasca da bagno, regolato sull’acqua fredda, per almeno cinque minuti. Contro i gonfiori si possono fare anche spugnature di acqua e aceto: stare con le gambe sollevate e avvolgere due pezze di stoffa sufficientemente grandi, bagnate con acqua e aceto per almeno mezz’ora al giorno;
  • Smettere di fumare;
  • Limitare il consumo di alcolici;
  • Controllare la dieta e capire quali possono essere i cibi che fanno gonfiare il proprio corpo.

I Fiori di Bach possono essere di grande aiuto in caso di gambe, caviglie e piedi gonfi, per problemi di ritorno venoso.

In questo caso, il modo per far arrivare l’effetto benefico dei Fiori di Bach al nostro corpo è la crema.

I Fiori di Bach indicati per trattare questo problema (cit. “Opera Fiori di Bach Principio Transpersonale e Applicazioni Locali Territori Tipologici“) sono:

  • Olive, Clematis, Centaury per l’apporto energetico
  • Horbearn per dare energia locale alle parti debilitate
  • Chicory, Willow, Crab, Vine per la congestione e ritenzione dei liquidi
  • Elm per il dolore alle gambe e/o caviglie, piedi, del plasma e delle valvole venose
  • Vervain se predomina la componente infiammatoria (flebite)
  • Walnut se il problema deriva dalla gravidanza, da un nuovo lavoro che richiede di stare molte ore in piedi, dalla calura estiva, etc
  • Star of Bethlehem se c’è tendenza ulcerativa
  • Crab Apple se c’è un’iperpigmentazione (macchie solari o macchie vascolari)

Crema Emozionale Flower's Week

Si consiglia di effettuare un auto massaggio alle gambe ed alle caviglie con la crema gambe naturale Flower’s Week, con movimenti rotatori dal basso verso l’alto mattina e sera.

Le Creme Emozionali Flower’s Week sono la soluzione perfetta, finalizzata ad ottenere risultati importanti per l’uomo e per la donna.

Le proprietà dei Fiori di Bach e dell’Acqua Termale di Viterbo consentono al prodotto di interagire garantendo un apporto energetico capace di migliorare la circolazione locale, ridurre la pelle a buccia di arancia, aumentare l’elasticità, eliminare la cellulite e tonificare.

 

Contattaci

0