Floriterapia:
Cosa è, Cosa Cura e per Chi è Utile?

Definizioni e Applicazioni

Ansia, stress e tensione sono condizioni molto comuni al giorno d’oggi. Un carico emotivo e cognitivo troppo elevato, infatti, può scatenare una risposta psicofisica nell’organismo che segnala una condizione di disagio. Eventi come la nascita di un figlio, la perdita del lavoro, il divorzio o anche un semplice trasloco possono mettere a dura prova le nostre energie, rendendoci preda dell’ansia e, nei casi più seri, di veri e propri attacchi di panico. La floriterapia può risultare utile per riequilibrare l’umore e contrastare i sintomi sopra descritti in modo dolce e naturale.

Non sempre, infatti, le cure farmacologiche di tipo tradizionale sono le più efficaci per affrontare le situazioni di disagio fisico ed emotivo. In molti casi non è semplice individuare con esattezza l’origine del problema ed elaborare una terapia davvero efficace. La paura di perdere il controllo, di non essere all’altezza delle sfide lavorative e familiari e di fare scelte sbagliate sono sensazioni molto diffuse, che possono avere natura transitoria o prolungata nel tempo.

In alcuni casi, questa sensazione di inadeguatezza e di affaticamento è circoscritta a un breve periodo: ad esempio, in concomitanza di un licenziamento, di una crisi sentimentale o altre situazioni difficili da affrontare. Sottovalutare le difficoltà passeggere, però, non è consigliabile perché se trascurato il disagio può radicarsi e avere diverse ricadute livello fisico. Tra le manifestazioni più comuni c’è, ad esempio, la tensione muscolare ovvero la difficoltà a rilassarsi e a sciogliere le contrazioni muscolari: ne deriva un perenne stato di ansia e di allerta con conseguenze ulteriori come emicranie e difficoltà di concentrazione.

In questi casi, non sempre i farmaci tradizionali offrono un valido aiuto per alleviare i sintomi e, cosa ancora più importante, per risolvere la vera origine del problema. Ricorrere a rimedi fitoterapici, come la floriterapia, può risultare efficace non solo per integrare la terapia prescritta dal medico ma anche per stimolare le capacità di auto guarigione del corpo e della mente. La Natura, infatti, mette a disposizione un’ampia gamma di risorse da sempre utilizzate per curare le afflizioni più varie.

La floriterapia è un metodo non invasivo e privo di effetti collaterali: anche in questo caso, naturalmente, è importante richiedere un parere qualificato prima di scegliere a quale prodotto affidarsi e per valutare il tipo di dosaggio corretto. Per risultare efficace, il trattamento deve essere il più possibile mirato in base alle peculiarità individuali e al tipo di esigenza. Ciò non toglie che, nei casi più lievi, la floriterapia sia da preferire trattandosi di una metodica dolce e non aggressiva. Affidarsi al potere curativo delle piante può risultare utile in tantissime situazioni e in generale per supportare l’organismo e migliorarne le difese. Dai cambi di stagione agli sbalzi d’umore, le applicazioni sono tantissime.

I metodi olistici rientrano in una filosofia più ampia che, tra le altre cose, invita a curare la qualità della dieta, il primo fattore per stare bene. L’efficacia dei prodotti naturali e l’assenza di effetti collaterali li rende particolarmente indicati anche per curare i soggetti più delicati, avendo cura di sentire il parere del medico qualora sussistano esigenze particolari.

Cosa è

Floriterapia: Cosa è

La floriterapia è un metodo olistico sviluppato dal medico britannico Edward Bach nella prima metà del ‘900 e basato sulle proprietà curative dei fiori. Inizialmente, Bach sperimentò su di sé e sui propri pazienti le essenze note come “12 guaritori”, associate ad altrettante personalità ovvero tipologie fondamentali di persone con uno specifico temperamento. Questa prima classificazione venne poi integrata con i “7 aiuti” e i “19 assistenti” per un totale di 38 Fiori, lavorati secondo i metodi individuati dallo stesso Bach – il metodo del sole e quello della bollitura – per ottenere le tinture madri.

Come funziona

Floriterapia: Come funziona

La floriterapia si basa sull’idea che i sintomi fisici siano la spia di un disagio più profondo, strettamente legato alle emozioni e alla personalità dell’individuo. Proprio per questo, la terapia deve tenere in considerazione prima di tutto le paure e i desideri che sono all’origine dello squilibrio interiore, agendo in maniera mirata per guarire la mente e, di conseguenza, il corpo. Analizzando le emozioni e il sentire individuale è possibile individuare i fiori e le essenze più adatte per innescare questo processo di trasformazione positiva. La terapia prevede l’assunzione della tintura madre dei Fiori di Bach diluita. Il flaconcino di trattamento è ottenuto diluendo alcune gocce di tintura madre (fino a un massimo di sette fiori) in acqua e brandy.

Che cosa cura

Floriterapia: Che cosa cura

Irrequietezza, disturbi dell’attenzione, tachicardia e insonnia sono i sintomi tipici dell’ansia. Per curare questi disturbi la fitoterapia tiene conto della personalità individuale, associando ogni forma di disagio a una diversa essenza floreale. Nei casi sopra descritti, ad esempio, è possibile trarre beneficio dall’assunzione combinata di Walnut, White Chestnut e Impatient. Anche nel caso della tensione e degli attacchi di panico la terapia deve essere mirata. Tra le essenze consigliate ci sono in questo caso Rock Rose, White Chestnut, Elm, Cherry Plun e Walnut insieme al rimedio di emergenza ideato dal Dott. Bach, il Rescue Remedy.

Per chi è utile

Per chi è utile la Floriterapia

La floriterapia è un metodo di autotrattamento che non presenta controindicazioni e può dunque essere utilizzato anche in concomitanza con altre terapie. In aggiunta alla soluzione idroalcolica è possibile ricorrere anche all’applicazione locale, utilizzando creme e altri prodotti addizionati con Fiori di Bach. Oltre ad acquistare i prodotti esistenti in commercio è possibile preparare autonomamente impacchi e altri rimedi con le essenze floreali. La floriterapia può rappresentare un aiuto per chiunque soffra di disturbi ansiosi, stress, carenza di autostima, affaticamento fisico e mentale e altri disagi molto comuni come la mancanza di fiducia in sé stessi.

La legge in Italia e all’estero

Floriterapia: la legge in Italia e all’estero

La floriterapia è censita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) tra i metodi di cura alternativi, ovvero tra le metodiche non invasive complementari alla medicina ufficiale. Lo status dei naturopati cambia a seconda dei vari Paesi così come l’apertura dei confronti delle pratiche alternative. La figura professionale del fitoterapeuta non è ufficialmente riconosciuta in Italia, a differenza di ciò che avviene altrove.

Contattaci

0